La tragica efficienza del capitalismo perfetto sotto coronavirus

“In cinque settimane soltanto,  i disoccupati sono saliti alla  cifra spaventosa di 26,4 milioni negli Stati Uniti. Questi milioni di lavoratori sono stati licenziati da società per azioni che ricevono denaro pubblico  –   soldi dai  contribuenti  –  nel più osceno programma di salvataggio lanciato dallo Stato con trilioni di dollari stampati per farle sopravvivere al lockdown. Perché queste società, e le banche, non vengono  costrette dallo stato a pagare i loro lavoratori il salario durante il blocco, o il sussidio-malattia?”.


Non sono discorsi che si  possono fare negli Stati Uniti. Ma l’articolo  postato su Zero Hedge, e vogliamo prenderlo come la speranza. Di un risveglio. Risveglio dell’opinione pubblica americana trascinata nella tragedia,  sulla vera natura del capitalismo,  che soffrono così platealmente  in questi lockdown sulla loro pelle: un capitalismo che – lungi dalla narrativa eroico-fantastica  – si fa ripetutamente salvare dallo Stato;  a spese dei contribuenti; che

questo capitalismo scatenato e “libero”   a dispetto della ideologia corrente, rappresenta per la società e il settore pubblico un costo enorme – in quanto provoca ripetute e rovinose crisi, da cui si fa’   tirar fuori con i trilioni della Fed... 


...I media russi hanno anche affermato che le reti 5G hanno causato la pandemia [Ha stato Putin!] o che il virus corona era una frode,  che non esisteva .

Inoltre, secondo i diplomatici dell’UE, è una notizia falsa quando i rapporti dalla Russia affermano che i paesi dell’UE sono “inefficaci, divisi e cinici” nei loro rapporti reciproci per la  crisi della corona. [Cosa di cui ciascuno può constatare la falsità, ndr.]

Allo stesso tempo, la Cina “sta conducendo una campagna di disinformazione globale per distrarre dalla sua colpa per lo scoppio della pandemia della corona e per migliorare la sua immagine internazionale”, secondo il rapporto del Servizio europeo per l’azione esterna pubblicato.

Russia e Cina hanno usato “tattiche aperte e segrete” secondo i diplomatici dell’UE. Le tattiche aperte includevano il disdegno [?] da parte dei diplomatici russi e cinesi e la propaganda governativa. Le tattiche segrete includevano blog falsi, troll ed eserciti di bot.

[Eserciti di bot! Eserciti! Ndr.]

I rapporti su presunti rimedi hanno una “lunga emivita”, secondo il rapporto dell’UE. Parte del materiale è stato condiviso 1,7 milioni di volte su Facebook e visto da oltre 117 milioni di persone. “Il contenuto sbagliato o altamente fuorviante continua a essere distribuito in tutte le lingue, anche se è stato contrassegnato da verificatori di fatti locali.”


Le notizie false possono avere effetti pericolosi...



Fonte: maurizioblondel.it del 28/04/2020 Leggi tutto l'articolo su: maurizioblondet.it

1 visualizzazione

Follow me

  • facebook
  • Twitter Clean

Indirizzo

V.le Regina Margherita, 4

20122 Milano (MI)

Call

T: +39 02 76340394 

F: + 39 02 76396193

© 2020 Powered by Khiara Marketing Solution - Solidamente Consulting & Management srl Società Benifit (all rights reserved)